Attenti all'orso.

Le malattie delle api, con approfondimenti su sintomi e diagnosi, terapie e cure
Regole del forum
Prima di postare leggere sempre le "Istruzioni per l'uso" e utilizzare il tasto "cerca" in alto a destra di ogni pagina. Grazie per la collaborazione.
Rispondi
Avatar utente
ciocca956
Uovo
Uovo
Messaggi: 85
Iscritto il: 28/07/2022, 8:01
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Attenti all'orso.

Messaggio da ciocca956 »

Nell'ultima settimana si narra (e si scrive sui giornali) di ben due avvistamenti di orsi in Val Tramigna a pochissimi km. dai miei apiari.
Non si tratta di una ubertosa valle Trentina bensì una piccola valle della Lessinia veronese prospiciente la pianura padana. Zona del Soave e
del Valpolicella per intendersi. Colline che al massimo arrivano a poco meno di 600 metri.
Per la precisione si tratterebbe di una femmina con un cucciolo in un caso e di un singolo animale nell'altro. Difficile dire se si tratta dello stesso animale o meno come difficile è dire se si tratta di avvistamenti reali. In un caso i Carabinieri Forestali hanno rilevato impronte compatibili con quelle di un orso.
Ma il mio proposito non è solo quello di informarvi di un fatto quasi folcloristico bensì anche quello di sapere quali accorgimenti dovrei adottare per proteggere i miei apiari qualora questi avvistamenti fossero reali e dovessero essere l'inizio di frequenti visite di orsi in questo territorio.
Cosa fanno gli apicoltori delle zone abitualmente frequentate dai plantigradi? C'è veramente probabilità di predazione delle arnie come suggeriscono i cartoni animati?
Attendo fiducioso ragguagli.
Rispondi