Problema arnie sotto al balcone

Non esistono domande imbarazzanti, bensì risposte imbarazzanti
Regole del forum
Prima di postare leggere sempre le "Istruzioni per l'uso" e utilizzare il tasto "cerca" in alto a destra di ogni pagina. Grazie per la collaborazione.
Rispondi
Avatar utente
Enzoscotch
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1
Iscritto il: 12/04/2024, 11:53
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Problema arnie sotto al balcone

Messaggio da Enzoscotch »

Salve,

sono un condomino che si è ritrovato delle arnie sotto al balcone e volevo un confronto con voi.

Abito al secondo piano di un condominio dove al piano terra c'è un appartamento con giardino. aldila di questo Giardino c'è un pezzo di terra se mi abbandonato con degli ulivi. Sotto questi ulivi, l'inquilino del piano terra di cui prima ha messo 3 arnie a distanza di 2/3 metri recinzione del sui giardino.

Ora la cosa strana è che di giorno io non ho nessun tipo di problema con le api, passa di tutto trane che le api, il problema sorge la sera, attratte dalle luci me le ritrovo che ronzano intorno alle luci che ho fuori al balcone mentre molte o a terra mezze morte.

Come mai di sera escono e salgono così in alto? come potrei dissuaderle? Ho un terrazzino e con il caldo ci ceniamo spesso e sono davvero fastidiose ed ho il timore che possano pungere mio figlio di 1 anno.

Grazie mille per il confronto.

Enzo
Avatar utente
fabio
Ape bottinatrice
Ape bottinatrice
Messaggi: 566
Iscritto il: 15/09/2010, 13:43
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby

Re: Problema arnie sotto al balcone

Messaggio da fabio »

La distanza delle arnie dal giardino (confine) devono essere ad una distanza minima di 5 metri.

LEGGE 24 dicembre 2004, n.313 Disciplina dell'apicoltura

ART. 8.(Distanze minime per gli apiari).
1. Dopo l'articolo 896 del codice civile, è inserito il seguente:
"ART. 896-bis. - (Distanze minime per gli apiari). - Gli apiari devono essere collocati a non meno di dieci metri da strade di pubblico transito e a non meno di cinque metri dai confini di proprietà pubbliche o private.

Il rispetto delle distanze di cui al primo comma non è obbligatorio se tra l'apiario e i luoghi ivi indicati esistono dislivelli di almeno due metri o se sono interposti, senza soluzioni di continuità, muri, siepi o altri ripari idonei a non consentire il passaggio delle api. Tali ripari devono avere una altezza di almeno due metri. Sono comunque fatti salvi gli accordi tra le parti interessate.

Nel caso di accertata presenza di impianti industriali saccariferi, gli apiari devono rispettare una distanza minima di un chilometro dai suddetti luoghi di produzione"

Anche se imponi all’apicoltore la distanza prevista dalla legge non risolverai il problema.
Contatta l’apicoltore e spiegaci il problema vedrai che bonariamente sposterà le arnie in un posto più lontano per non arrecarti fastidio.
Il segreto del successo è la costanza nell'impegno quotidiano
Rispondi