trattamento antivarroa con erogatore di acido formico

Prevenzione, diagnosi e controllo della Varroatosi
Rispondi
Avatar utente
nomeutente
Uovo
Uovo
Messaggi: 62
Iscritto il: 07/09/2017, 12:25
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Lavoro
Località: Alta Irpinia - Lucania
Età: 41

trattamento antivarroa con erogatore di acido formico

Messaggio da nomeutente » 28/08/2018, 11:46

come si vede nel video l'erogatore va collocato all'interno del nido

bisogna avere l'accortezza di lasciare lo stoppino ad una lunghezza inferiore ad 1cm

le porticine delle arnie possono essere anche tolte

importante è che le temperature minime non scendano sotto i 15 gradi quindi il periodo ideale di utilizza si colloca tra luglio ed agosto



buona visione

Avatar utente
BjHorn
Larva
Larva
Messaggi: 120
Iscritto il: 02/05/2015, 17:09
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Hobby
Località: Cilento

Re: trattamento antivarroa con erogatore di acido formico

Messaggio da BjHorn » 29/08/2018, 14:47

Molto interessante!
Le arnie le tieni su 8 telai tutto l'anno?
E di preciso, che materiale utilizzi per lo stoppino? Mi par di aver capito "feltro".
Il formico è diluito?

Avatar utente
nomeutente
Uovo
Uovo
Messaggi: 62
Iscritto il: 07/09/2017, 12:25
Sesso: Maschile
Apicoltore per: Lavoro
Località: Alta Irpinia - Lucania
Età: 41

Re: trattamento antivarroa con erogatore di acido formico

Messaggio da nomeutente » 30/08/2018, 7:53

di solito lavoro con 9 telaini e diaframma

ad agosto le porto su otto telaini, facendo sciami con il materiale che "avanza" inserendo qualche nuova regina

per ogni erogatore da 250ml: feltro in 100% poliestere spessore 3 mm, lungo 7.5 cm, largo 3 cm

il formico funziona meglio con alte concentrazioni

quello in commercio per uso apistico è l'apifor60, già diluito al 60%

il metodo è testato da qualche anno su centinaia di alveari, in particolare in Puglia

Rispondi